Soulfood

Dopo l’intervista a Mario De Santis su Radio Capital (3 aprile 2014), Soulfood pubblica una bella recensione di Stati di grazia.

***

Questo è l’audio dell’intervista:

***

Qui, invece, la recensione scritta da De Santis:

«Né sommersi, né salvati, né desaparecidos né eroi. Tutti i personaggi che percorrono la parabola del romanzo (o diario di biografie immaginate) “Stati di grazia” (il Saggiatore ) di Davide Orecchio, sono impalpabili come statue di cenere, polvere di macerie che la storia non accumula per una sua redenzione futura, come sognava Benjamin, ma che è solo la traccia di una disseminazione inutile che non troverà mai riparo, né patria, se non per temporanei accidenti.

E allora a questi personaggi estremi perdenti della storia resta un’unica speranza minima, quella che si possa da qualche parte ritrovare e raccogliere la loro voce, come si raccoglie polvere da una casa per capire come ha vissuto che l’ha abitata. Come a volte emerge la voce di un conoscente o di uno sconosciuto meglio, dallo sfarfallio frammentato di un pugno di lettere ritrovate, da pagine di un diario. Da quelle incerte scritture, specie se private, intime labirintiche, allusive, l’Invisibile Persona – ovvero tutti noi – che ha abitato i giorni e dunque la Grande Storia e da quella è stato però con crudeltà cancellato – come Leopardi credeva accadesse solo con la Natura, guardando i cadaveri petrosi e i resti calcinosi di Pompei – riemerge. Continua a leggere “Soulfood”