Davide Orecchio, info

ritratto
© Grazia Ippolito

Vivo e lavoro a Roma. Il mio ultimo libro è Mio padre la rivoluzione (minimum fax 2017, selezione premio Campiello, finalista premio Napoli e premio Bergamo): storie e racconti sulla Rivoluzione russa. Nel 2012 ho pubblicato Città distrutte. Sei biografie infedeli (Gaffi; nuova edizione il Saggiatore 2018), una raccolta di racconti che ha vinto il premio SuperMondello e Mondello Opera Italiana, il premio Volponi ed è arrivata finalista al premio Napoli. Il secondo libro è un romanzo: Stati di grazia (finalista premio Bergamo), uscito nel 2014 per il Saggiatore. Sono redattore del blog letterario Nazione Indiana. Miei articoli, racconti e saggi sono usciti su varie riviste. Ho partecipato alle antologie La terra della prosa (L’Orma editore 2014), a cura di Andrea Cortellessa; Dylan Skyline (Nutrimenti 2015), a cura di Filippo Tuena; Il racconto onesto (Contrasto 2015), a cura di Goffredo Fofi. Un mio racconto, City of Pigs, è apparso in Best European Fiction 2018, nella traduzione di Frederika Randall. Di mestiere faccio il giornalista. Ho trascorso una decade (quella con il “2” davanti) immerso negli studi storici. Per gli appassionati del genere, qui il mio Curriculum breve.

*

Writer, journalist. He spent more than ten years studying history between Rome, Berlin and Milan. 2012: publishes his first work of fiction: Città distrutte. Sei biografie infedeli, SuperMondello Prize. 2014: year of his novel Stati di grazia (il Saggiatore). He’s member of the lit-blog Nazione Indiana. His new book is Mio padre la rivoluzione (minimum fax 2017).

*

AGENTE: Pietrosanti Agenzia Letteraria

*

SCRIVIMI: