Radiohead, #epifanie

Nel giugno del 1997 me ne stavo sepolto a Braunschweig per certe ricerche. Seppellito nella foresteria di una biblioteca tumulata a Braunschweig. Gli svaghi erano andare in bici alla stazione a comprare il Corriere, mangiare Kebab e inghiottire gli asparagi bianchi di una bibliotecaria che m’invitava a cena. Un giorno esco, vado al negozio di dischi e cerco qualche novità. Tornai a casa con OK Computer dei Radiohead e Ladies and Gentlemen… degli Spiritualized. Non mi sollevarono il morale, però che capolavori. #epifanie

A Hard Day’s Night, l’accordo magico non è più un mistero

C’è quest’accordo iniziale in A Hard Day’s Night dei divini Beatles. Questo UAAAM! di pochi secondi. Una cascata dalle origini ig-note. Un megariff irrisolto. Fino a oggi. Un articolo su Open Culture, infatti, svela l’arcano con l’aiuto del chitarrista Randy Bachman.

Up, slowly

Title: Up, slowly Music: Davide Orecchio (copyright: all infamous rights reserved) Electric Guitars: Davide Orecchio (Fender Stratocaster + iRig + Garage Band. Dublin Delay, Dreamy Texture, Sparkling Clean) Bass: Upright, D.O. + Garage band Acoustic Guitar: D.O. + Garage band Hollywood Strings: D.O. + Garage band Electric Piano: D.O. + Garage band Live Rock Kit: Garage Band