Seconda guerra mondiale© (pubblicità)

WWII

Vuoi dimagrire? Cerchi una dieta? Seconda guerra mondiale©! Assumi Seconda guerra mondiale© due volte al dì. In tre settimane diventi una persona magra moderna. Clicca mi piace sulla nostra pagina Facebook Seconda guerra mondiale©. Diventa seguace su Twitter di Seconda guerra mondiale©. Estrarremo tre di voi a sorte. Una potresti essere tu e vincerai una confezione gratuita di Prima guerra mondiale©! Alterna Prima© e Seconda guerra mondiale© per avere un look invidiabile da Sex and the city! Le gambe flessuose, i fianchi sottili di uno scacciapensieri. Se non sarai soddisfatta ti rimborseremo. Ma abbiamo altre offerte. Potrebbe interessarti una Carestia boliviana©? Alza la testa, guardati attorno. Il nostro mondo è pieno di soluzioni per il tuo desiderio. E al tuo lui, al tuo metroman, suggeriamo Vietcong©. Diluisci Vietcong© in acqua o aranciata due volte al dì per un mese, seguici su Google Plus, scarica la App Vietcong© per monitorare quotidianamente il tuo calo di peso. Per l’uomo che aggredisce il giorno c’è la versione energetica Vietcong Banzai©. Vuoi ricevere la nostra newsletter gratuita? Ogni settimana i consigli della cuoca Luisella per un cibo che sia sano e gustoso. Le migliori ricette della Seconda guerra mondiale. Le genuine e diuretiche bevande Vietcong. Solo nella newsletter della cuoca Luisella.

Qualche volta ho incontrato Lou Reed

In una balera di Stromboli che si chiamava la Nassa e chiudeva sulle note di Take a walk on the wild side. Quello era un lento. Le luci-scintilla. Le stelle. Il vulcano. Lou era una voce fraterna. Che entra in casa, ha la chiave, e ti mostra la vita selvaggia. Il fratello maggiore spesso ha in tasca una canna e l’accende per te.

In un disco ruggente di chitarre fracasso e poi chitarre arpeggio e riff di cotone, dove Lou rinasceva mentre il Muro cadeva e lui cantava New York.

In un teatro romano che si chiamava Brancaccio, dove Lou gettò scompiglio, perdita, magia e qualcuno ballò e l’io palpitò.

In un film di Wim Wenders, un albergo a Berlino, Lou nella stanza e sul letto, suona la chitarra astronave, la chitarra fucile, anoressica, nera e di smalto. Questa chitarra. Eietta un suono. Che è un esorcismo.

Ciascun cittadino. Di questo tempo. Ha incontrato Lou Reed. E io l’ho incontrato ogni volta che – ho suonato – il satellite dell’amore – sulla mia dodici corde – con un sol – aumentato.

Ognuno di noi

«Ognuno di noi nella sua vita ha un punto conficcato come un chiodo al quale lo lega un elastico. Cerca d’allontanarsi; al prezzo di sforzi sovrumani avanza nel corso dei giorni, dei mesi e degli anni. Ma più si discosta, più l’elastico si tende e lo trattiene. E quanta più strada farà, tanto più violento sarà il rinculo quando il chiodo lo richiamerà a sé, forte della sua stessa forza: poiché la potenza dell’elastico l’avrà alimentata egli stesso, un passo dopo l’altro, fino al momento che, esausto, sarà stato costretto a fermarsi» (Patrice Vuillarde, Dynamique des abandons, Paris 1983, p. 123).germogli3