DeLillo, Antonioni

Ha una voce gutturale, liquida, roca. Racconta Deserto rosso di Antonioni. Dice i colori del film. Rosso, amaranto, rosa, viola, nero, grigio. Descrive persone, paesaggi. Le parole s’impastano nel catarro, sembrano fragili quando scorrono su per la fiala del collo. Nel crogiolo c’è un’ebollizione. I due antipodi sono il coagularsi e lo squagliarsi: delle parole. Ma riesce sempre. S’inceppa solo due volte. Prosegue. Il testo è una chimica. A volte dimentica la necessità del microfono. Ora siede, risponde alla domanda, scorda il microfono sulla coscia, tira su il microfono con un gesto geometrico, per parlare ti serve il microfono, lo…

Sul film «L’amministratore»

Nel documentario L’amministratore di Vincenzo Marra (Italia, 2013, 84 minuti) sono tutti vecchi. Si va dai 60 anni in su. [ Salvo rare eccezioni. Un immigrato che balla. La figlia. Un muratore. ] Le case mostrano crepe, infiltrazioni d’acqua. Gli attici crollano sui piani inferiori. Il massetto dei bassi non tiene, tra il fango e l’asfalto cresce un binario per topi. La città cade a pezzi. L’amministratore prova a rammendarla. Ammaccato e cinico anche lui. Donne sessantenni vivono con madri ottuagenarie. Ci si opera agli occhi e del cancro all’intestino. I fratelli si odiano e impoveriscono e decompongono sui divani…

Fear of Falling. Roma applaude Wallace Shawn e Jonathan Demme (video)

Jonathan Demme e Wallace Shawn ringraziano il pubblico al termine della proiezione di Fear of Falling, al Festival del Film di Roma. Il film è un adattamento (a cura di Shawn e André Gregory) de Il costruttore Solness di Ibsen. Cinema al servizio del teatro. Non a caso con dedica a Louis Malle, nel cui Vanya sulla 42a strada (che Fear of Falling ricorda per intensità e prova collettiva, sebbene avanzando verso il finale qualcosa se ne perda e l’ipnosi stupita dello spettatore si dissipi un poco, ma solo un poco) sia Shawn, sia André Gregory e Larry Pine (anche…